Talpa

POtere della rete.
Scrivere in piena luce i pensieri piu’ intimi ed essere sicuri che nessuno li leggera’ mai
Perche’ nell’epoca del social non gliene frega un cazzo a (quasi) nessuno di cio’ che si pensa.

E questa sera posso scrivere di questo.

Di come mi fa male non vedere quella gabbia colorata.
Averla lavata, sciacquata ed asciugata.
Assemblata e portata via in un ripiano del box.
Lontano dagli occhi, lontana dal cuore.

Con Ciccio non fu cosi’, era una ferita, quella gabbia chiusa appoggiata sul divano.
E non si riusciva a toglierla di li. Ci vollero giorni per farlo.
Il alvoro, gli impegni, la mestizia.

Oggi il TAlpa ci ha regalato un giorno di Sole, insieme, sul solito fiume giallo.
Tra sparute margheite, runners e canolini al guinzaglio.

Ci ha regalato la sernita’ di poterlo salutare con svelta malinconia.
Poca brezza e un bel cielo terso.
Nel pomeriggio si vedevano anche le montagne.
e tra le travi della iscina anche il sloe a chiudere una giornata triste.

E poi a casa… e quella mancanza.
Non vedere neanche la gabbia. Non vedere gli oggetti del suo vivere quotidiano.
Non vedere i tbi colorati e le grate blu scure.

Mi ha fatto male, mi fa male non vedere quella gabbietta.
Non vederlo spuntare no, lo so che e’ andata cosi’.
Quello che recrimino e’ la forza degli oggetti.
Dell amemoria degli oggetti. Del loro ruolo e della loro importanza.
Perche’ anche loro sono sati cornice di questi 21 mesi insieme.

E ora, voltarmi verso quello spazio vuoto mi mette una tristezza diversa, non solo la malinconia, ma anche una tristezza diversa.
Quasi un rifiuto del mio atto codardo, di credere di poter dimenticare cancellando la presenza degli oggetti.
Se lui non c’e’ non ha senso che ci sia neanche il suo sito.
Aiutera’ a sedare il dolore mi son detto quando meccanicamente pulivo tutto.
Ma ora non so se ho fatto bene.
Forse vuota, immacolata e con i tubi smontati all’interno mi avrebbe fatto bene.

O forse se fosse stata li ne avrei sofferto perche’ algina, vuota, inodeore e silenziosa
E mi sarebbe venuto il magone pensando alle sue puzzosita’, ai suoi rumori, alle sue cacchette, ai semi dappertutto, alla carta igenica rosicchiata.

O forse non e’ qui il problema.

Forse solamente si e’ chiusa una parentesi di gioia grandissima, piccola e pelosa.
E adesso come e’ giusto che sia, che tanta tristezza.

Ecco…

image

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Animali, CoseDellaVita, Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...